Tablet a scuola, servono davvero?

Quello dell’utilizzo delle nuove tecnologie a scuola sia come strumento per i docenti che per gli studenti è un tema che stiamo approfondendo senza pregiudizi e preconcetti . Infatti un’idea tra quelle che ci sono arrivate delle #primariedelleidee c’è ne è anche una a proposito di questo. Certo vedere come si è speso negli anni scorsi migliaia di euro in strumenti come le lavagne interattive che i docenti non vogliono o non sono in grado di utilizzare è deprimente, ma cerchiamo di fare chiarezza.

Abbiamo chiesto a una classe del Liceo Classico Prati che sta sperimentando questo nuovo genere di didattica da ormai più di un anno come sta dando e che risultati sta dando. Ma vediamo cosa ci hanno risposto.

  • Partecipanti al sondaggio: 17 studenti
  • Tablet in dotazione: ZELIG PAD 970H dell’hamlet exagerate con 1.5 GHz e lo schermo da 9.7” LCD

Risultati:

  • Mai                      8
  • 1 ora                    6
  • 2 ore                    2
  • 3/4 ore               1

Risultati:

  • Mai                     6
  • 1 ora                   10
  • 2 ore                   1

Immagine

Risultati:

  • Mai                     9
  • 1 ora                   7
  • 2 ore                   1

Risultati:

  • 1                        2
  • 2                        2
  • 3                        3
  • 5                        1
  • 6                        2
  • 7                        3
  • 8                        4

Risultati:

  • 1                        3
  • 2                        4
  • 4                        4
  • 5                        2
  • 7                        2
  • 8                        2

Ci scrivono anche un commento:

I dati indicano che c’è ancora uno spazio di miglioramento nell’ utilizzo del tablet, che dovrebbe essere colmato con maggior praticità e velocità, secondo diverse opinioni il dispositivo è lento e per questo difficile da usare, soprattutto nella navigazione online. Inoltre è poco utilizzato durante le lezioni, solo alcuni professori lo adottano poichè non tutte le materie sono adatte al suo utilizzo, per le materie dove viene utilizzato non ci sono ancora abbastanza edizioni digitali dei manuali. L’iniziativa è stata apprezzata dagli studenti, il tablet è stato ben accolto e utilizzato nei limiti permessi dal dispositivo.

Lasciamo a voi i giudizi, se lo vorrete potremo discuterne insieme all’ assemblea di martedì alla Bookique. Solo grazie alle opinioni e idee di tutti Stazione Futuro potrà diventare un megafono dei giovani anche su questo tema.

Grazie a Fiorenza Pesce che ha raccolto i dati della sua classe per il suo impegno!

E TU COSA NE PENSI? DILLO QUI!

Annunci